LEGGERE IL TERRITORIO CON L'ARTE, 2018
Partecipazione al progetto su invito dell'artista ideatore Alberto Gianfreda.

IL PROGETTO:
LE ARTI POSSONO PARTECIPARE AI PROCESSI DI PIANIFICAZIONE URBANA?
LEGGERE IL TERRITORIO CON L’ARTE si pone come obiettivo principale di indagare i modi e i metodi che permettono all’arte, in tutte le sue forme, di contribuire alla lettura dei bisogni e delle necessità di un’area urbana al fine di migliorarne le qualità.

La ricerca sperimentale è stata avviata dal MAC, il Museo d’Arte Contemporanea Lissone, e sostenuta dal Comune di Lissone, nell’intento di valorizzazione il Mo.VE realizzato dal team Archem. Nato nel 2015, in occasione di Expo, il Mo.VE era stato concepito per diventare il landmark della città e come è avvento per molte altre architetture di Expo, oggi ci si interroga sulla funzione, la destinazione d’uso e le possibilità di sviluppo della struttura e dell’area circostante.

La sperimentazione metodologica, ideata e coordinata da Alberto Gianfreda ha coinvolto un team di lavoro interdisciplinare di artisti, psicologi urbani e architetti.

IL MIO INTERVENTO:
Alberto Gianfreda mi ha chiesto di partecipare in quanto danzatrice ed esperta del movimento. Il mio intervento ha indagato lo spazio attraverso il corpo, la ricerca di nuovi punti di vista, il gioco, l'improvvisazione. Ho a mia volta coinvolto due amice ed artiste/fotografe: Cecilia Viganò e Greta Gandini che mi hanno aiutata ad immortalare la ricerca attraverso l'autoscatto.




Per maggiori informazioni : www.leggereilterritorio.com